Febbraio e Marzo sono i mesi migliori per organizzare la settimana bianca con i bambini, compresi quelli piccolissimi. Le giornate sono più lunghe, le temperature iniziano a farsi sensibilmente più calde e, complici le feste di Carnevale e Pasqua, ci sono tante occasioni per programmare vacanze e weekend in famiglia.

Ma come scegliere dove andare tra le tante proposte neve offerte da agenzie viaggi, web e sconti last minute? Ci sono piste più adatte ai bambini o tutti i comprensori sciistici sono uguali?

Sciare con i bambini: dove andare?

 Prima di decidere dove trascorrere la settimana bianca, vediamo quali sono le caratteristiche che devono avere le piste per i bambini.

Tra le centinaia di stazioni sciistiche di tutto l’arco alpino, quelle più adatte a chi muove i primi passi sulla neve sono quelle che hanno queste particolari caratteristiche:

N

Altitudine dai 1.200 ai 2.000 metri

Se in linea generale l’altitudine non è un problema sopra l’anno di età, le piste che si trovano sopra i due mila metri di altezza, risentono di un clima decisamente più rigido e quindi meno adatto ai bimbi più piccoli. Se in famiglia c’è poi un fratellino di pochi mesi, è consigliabile rimanere, per i pochi giorni della settimana bianca, sotto i 2.000 metri, in quanto il bebè non avrebbe il tempo necessario per adattarsi all’altitudine.  

N

Piste assolate per la maggior parte delle ore del giorno

Strettamente legato al punto precedente, c’è l’esposizione delle piste a Sud. Sciare baciati dal sole, ha tutt’altro effetto che essere in montagna all’ombra. Nonostante le temperature rigide della montagna in inverno, infatti, trascorrere l’intera giornata sotto un cielo azzurro è un’esperienza molto piacevole. Ritrovarsi in ombra dopo pranzo perché il sole che si nasconde dietro un’altura, è decisamente molto più fastidioso. Sia per noi grandi, che per i bambini e immaginate quanto lo sia per chi accudisce i più piccoli di casa dalla baita o dal parco giochi sulla neve.  

N

Piste di bassa difficoltà come campetti scuola o piste blu e baby park sulla neve

Ovunque ci sono piste adatte ai principianti, ma solo in alcune destinazioni ci sono tante piste adatte a chi si avvia allo sci per le prime volte. Alcune location sciistiche sono inoltre adatte ai giovani per le esperienze “après-ski” che offrono o per i servizi di supporto alle famiglie in termini di parchi gioco sulla neve e asili sulle piste.

Tra tutte le destinazioni da Est a Ovest, ecco quindi quelle da tenere in considerazione per organizzare le vacanze invernali sulla neve. 

SCIARE SULLE DOLOMITI

Sono uno dei vanti del Belpaese. Le montagne diventate patrimonio Unesco nel 2009 sono un esempio di eccellenza in termini di servizi per le famiglie, ospitalità e bellezza del territorio. Sciare ai piedi di montagne così maestose è uno spettacolo che riempie di orgoglio gli occhi e lo spirito.

L’Alpe di Siusi o la Val Gardena sono due delle mete più gettonate dell’arco alpino. Si trovano entrambe nel comprensorio Dolomiti Superski e offrono piste per tutti i gusti e per tutti i livelli, comprese quelle inserite nel circuito della coppa del mondo. I piccolissimi hanno a disposizione giochi sulla neve, area bimbi con gonfiabili e baby park, i più grandicelli hanno diversi campetti scuola e un’infinità di piste su cui divertirsi e imparare.
La ricettività alberghiera in queste zone è straordinaria e per tutte le tasche: dalle più piccole pensioni, ai masi in fattoria, fino a strutture come il Cavallino Bianco, inserito tra i primi tre hotel migliori al mondo per le famiglie.

Se lasciamo l’Alto Adige alle spalle e entriamo in Trentino, la Val di Fiemme e il comprensorio di Andalo – Fai della Paganella, sono nella lista dei preferiti per le famiglie con bambini. L’Alpe Lusia, ad esempio, che si trova nella Alta Val di Fiemme accanto al paesino di Bellamonte, ha piste con un affaccio spettacolare sulle Pale di San Martino e la catena del Lagorai. All’interno del Laricino Park ci sono campetti scuola, un asilo al coperto in cui poter giocare anche senza mamma e papà e una pista di slittino nel bosco tra le più belle del territorio. Perché sfrecciare in totale sicurezza tra gli abeti più famosi del mondo, ha davvero il suo perché!

Sciare in Lombardia

Bormio è la località prediletta per le famiglie della Lombardia per organizzare la settimana bianca. A meno di 200 chilometri di strada da Milano, questa località della Valtellina offre innumerevoli occasioni di svago sulla neve e non solo. Oltre 50km di piste per chi pratica lo sci da discesa, un parco giochi – il Gormiti Park – che è amato dai piccoli, ma anche dai grandi e tantissime attività collaterali per provare ogni giorno qualcosa di nuovo. Ciaspole, escursioni con la slitta trainata dai cani, cene in baita con il gatto delle nevi, pista di pattinaggio sul ghiaccio e la calda acqua delle terme per il relax di tutta la famiglia dopo una giornata di sport.

Settimana bianca in Valle d’Aosta

La regione più montagnosa d’Italia è un gioiellino capace di conquistare anche i neofiti dell’ambiente alpino. Se siete alle prime armi con la neve, Torgnon è la destinazione migliore per iniziare a far pratica con lo sci e far divertire i più piccoli. Il paesino è sempre illuminato dal sole e proprio per la sua posizione strategica è particolarmente consigliato a chi ha bimbi piccini. Nel cuore delle piste, all’interno di una conca riparata dal vento e dove ci sono diverse baite o punti ristoro, si trova il baby park dove ci sono gonfiabili sulla neve e giochi morbidi. Questa posizione “strategica” è ideale per famiglie che si devono dividere (mentre uno scia con il più grande, l’altro genitore resta con il più piccolo al baby park), per poi ritrovarsi all’ora di pranzo.

Il comprensorio di Pila, invece, a pochissima distanza dal capoluogo Aosta, è consigliabile ai bambini che hanno una buona dimestichezza con gli sci. Pila ha diversi servizi per le famiglie: parco giochi con gonfiabili all’arrivo della cabinovia, asilo sulla neve e tantissime piste blu o rosse adatte a chi vuole affinare la tecnica. 

Cosa mettere in valigia per la settimana sulla neve

Per combattere il freddo in montagna è importante coprire le estremità (mani e piedi) e la testa che è quella che disperde più calore in assoluto. L’abbigliamento tecnico è da preferire agli indumenti di cotone, anche per i bambini, soprattutto se avete in programma di trascorrere le giornate sulla neve.

Cappello, moffole (ideali per i bambini fino ai 7/8 anni di età) e scaldacollo (da preferire alla sciarpa) sono essenziali. Sotto la tuta da sci fate indossare ai più piccoli una maglia termica a collo alto e un pile o un maglione di lana (no golf in poliestere o tessuti misti). Per proteggere piedi e gambe, acquistate dei pantacollant termici o una calzamaglia di lana che però, ha il difetto di essere fastidiosa sulla pelle.

I piccoli che già camminano avranno bisogno di dopo sci o moon boot per giocare sulla neve, i più grandicelli potranno invece utilizzare scarponi da trekking impermeabili, una volta tolti quelli da sci. Casco da sci e maschera per gli occhi sono accessori fondamentali per la settimana bianca: da utilizzare obbligatoriamente sulle piste da sci per i ragazzi fino ai 14 anni di età, ma anche per i più piccoli che vanno sullo slittino con mamma e papà.  

Gli indispensabili da avere sulla neve

Lab Baby SprayNel beauty, tra le cose assolutamente da non dimenticare a casa quando si parte per la settimana bianca con i bambini ci sono:

  • Crema solare e stick labbra con alto fattore protettivo. È importantissimo non sottovalutare il riverbero della neve sia durante giornate di cielo completamente terso, che in quelle più velate.
  • Crema mani da usare la sera dopo la doccia calda e un olio alle mandorle dolci per i bimbi per combattere la secchezza della pelle.
  • Soluzione fisiologica per il nasino dei più piccoli per tenere sempre libere le mucose e far in modo che respirino bene anche di notte.
  • Spray alla propoli o pastiglie contro il mal di gola ideali per combattere i sintomi da raffreddamento che possono colpire i bimbi quando sudano e si scoprono, oppure quando non indossano l’abbigliamento adeguato.

 Trascorrere la settimana bianca con tutta la famiglia è un’esperienza bellissima. Basta sapere dove andare, mettere in valigia tutto l’occorrente e la voglia di giocare!

Solero Lozione FP50

Solero Lozione protettiva FP50 Bambini protegge efficacemente la pelle delicata del tuo bimbo. Resistente all’acqua. Senza profumo.

Solero Protezione Labbra

Solero Protezione Labbra FP50 arricchito con Vitamina E, resistente all’acqua e dermatologicamente testato, offre una barriera UVA efficace. Senza profumo.

Filorga UV-Bronze Viso

Un trattamento solare che assicura alla pelle una protezione molto elevata e agisce contro invecchiamento e macchie cutanee.

Filorga UV-Bronze Brume

Brume solare anti-età idra-rinfrescante.

Pocket Adulti SPF50

Adatto per la pelle sensibile o tendente a eritema solare o intolleranze, comunemente chiamate allergie solari.

FACED 3 Luronics

Crema idratante, lifting e antimacchia ad effetto immediato e continuativo, in 30 minuti l’idratazione aumenta del 17%.

Propoli Plus Junior

Spary orale con agrimonia per il benessere della gola.

Lab Baby Spray

Soluzione isotonica sterile ad acqua di mare particolarmente adatto per neonati e bambini nei casi di secchezza della mucosa.

CHICCO Physioclean

Soluzione fisiologica in fiale da 2 ml, per l’igiene quotidiana del naso del bambino, per l’igiene esterna degli occhi e per aerosolterapia.