Il Cranberry, il cui nome scientifico è Vaccinium macrocarpon, è una bacca di colore rosso intenso che appartiene alla famiglia delle Ericaceae. Il Cranberry contiene, infatti, la parola “Berry” che significa “Bacca”.

Viene chiamato anche mirtillo rosso americano perché cresce esclusivamente in determinate aree del nord-ovest degli Stati Uniti.

Il fiore del Cranberry è di colore bianco o rosa pallido, a forma di campana mentre il suo piccolo frutto è rossastro, polposo e aspro. 

GLI UTILIZZI TRADIZIONALI

La tradizione dell’utilizzo del mirtillo si associa a quella del Thanksgiving dal 1621, quando i pellegrini lo servivano con il tacchino e le pietanze tipiche dell’epoca. Ancora oggi, tuttavia, è usanza in questa ricorrenza preparare le bacche di mirtillo sotto forma di salsa.

Ma il Cranberry era utilizzato già dagli indiani, che ne avevano intuito le proprietà medicamentose nell’ambito dei disturbi urinari mentre i marinai lo caricavano sulle navi per la prevenzione dello scorbuto, essendo questo alimento particolarmente ricco di vitamina C.

MIRTILLO ROSSO: PROPRIETÀ E BENEFICI

Le bacche di Cranberry contengono numerose sostanze benefiche, tra cui calcio, potassio, betacarotene, vitamina A, vitamina C, ferro, fibre e flavonoidi. Quest’ultimi esercitano l’effetto antiossidante, proteggendo le cellule dallo stress ossidativo.

L’estratto di mirtillo rosso contribuisce positivamente nel prevenire gli attacchi di cistite grazie alla presenza di proantocianidine.

Secondo gli studi condotti, queste sostanze inibiscono selettivamente le adesine prodotte dai batteri riducendo la forza di adesione fra batterio e superficie uroepiteliale.

Ciò si traduce nella difficoltà di adesione dei patogeni alle pareti dell’apparato urinario, rendendo più agevole la loro eliminazione con il flusso urinario.

GLI INTEGRATORI DI MIRTILLO ROSSO

I prodotti a base di cranberry disponibili in commercio sono generalmente degli estratti formulati sotto forma di compresse, succhi, polvere orale da sciogliere in acqua o come soluzioni orali.

Si raccomanda, tuttavia, di rivolgersi al medico o al farmacista qualora si sospetti un’infezione delle vie urinarie. Inoltre, il succo di Cranberry non è consigliabile per coloro che assumono una terapia anticoagulante per il rischio di interazioni. Consultare sempre il medico o il farmacista prima di assumere qualsiasi tipo di integratore.

Hai già la nostra app? Clicca ed entra subito nel mondo dei servizi di LloydsFarmacia!