L’arrivo dell’estate costituisce per la maggior parte delle persone un momento di svago, di evasione e vacanze. Ma quando le temperature diventano torride e aumenta l’umidità possono insorgere problematiche che non riguardano solo categorie sensibili come bambini e anziani ma anche i nostri amici animali. Il caldo intenso può infatti costituire un serio pericolo per la loro incolumità e le vacanze possono rappresentare un problema logistico soprattutto se decidiamo di partire.

U

Colpo di calore e colpo di sole

Diversamente da noi i cani non sudano attraverso la pelle, ma hanno un meccanismo di termoregolazione denominato sistema di “raffreddamento ad aria”. Mediante frequenti atti respiratori fanno passare l’aria sulle superficie umide del cavo orale disperdendo così il calore. Il cane è esposto al rischio di colpo di calore quando  in condizioni come temperature ambientali elevate, scarsa ventilazione e situazioni di stress (sforzi eccessivi e spazi angusti) l’organismo non riesce più a mantenere la normale termoregolazione. Il colpo di sole si verifica invece quando l’animale è esposto ai raggi diretti del sole senza potersi sottrarre.

 Come riconoscere il colpo di calore:

  •  il cane è steso e non riesce ad alzarsi, è disorientato e scoordinato o addirittura perde conoscenza
  • il respiro è affannoso
  • ha ipersalivazione
  • le gengive sono di colore rosso scuro fino a diventare cianotiche
  • le mucose sono secche
  • ha vomito e diarrea

Cosa fare? Per prima cosa raffreddare l’animale con acqua fredda, senza usare il ghiaccio e poi trasportarlo velocemente dal veterinario.

R
Bastano alcune regole semplici ma importantissime per scongiurare tutto questo e godere a pieno della stagione estiva insieme ai nostri amici pelosi:

-NON LASCIARE MAI GLI ANIMALI IN AUTO, ANCHE  SE I FINESTRINI SONO APERTI L’ABITACOLO SI SURRISCALDA.

-EVITARE LE PASSEGGIATE NELLE ORE PIU’ CALDE: anche una lunga passeggiata sotto il sole può essere pericolosa soprattutto per le categorie più vulnerabili come i cuccioli, le razze brachicefale (quelle che hanno il diametro longitudinale del cranio che supera il diametro trasversale come i bulldog), i cani dal mantello nero, bianco o tosato, quelli obesi o affetti da malattie cardiocircolatorie.

-ASSICURARE SEMPRE LA PRESENZA DI ACQUA A DISPOSIZIONE

-NON LASCIARE I CANI LEGATI O BLOCCATI IN TERRAZZO ALLA LUCE DIRETTA

-IN VIAGGIO CERCA DI FARE SOSTE REGOLARI PORTANDO SEMPRE LA CIOTOLA CON L’ACQUA  E UN ASCIUGAMANO PER RINFRESCARE IL VOSTRO AMICO

-PER I VIAGGI ALL’ESTERO ORGANIZZATI PER TEMPO PERCHE’ ALCUNI PAESI RICHIEDONO DOCUMENTI E PROFILASSI SANITARIE OBBLIGATORIE

t

E SE VOLESSIMO PORTARE FIDO IN SPIAGGIA CON NOI?

Seguendo le raccomandazioni classiche come evitare i momenti della giornata più caldi, bagnare spesso l’animale e tenerlo all’ombra, oggi si può pensare di trascorrere in spiaggia piacevoli momenti in compagnia del nostro cane.

Sono moltissime le spiaggie in italia che sono diventate “dog friendly” e accolgono i nostri amici con aree dedicate con percorsi di agility, docce e piscine per rinfrescarsi e acqua fresca a disposizione.

Le regioni più virtuose in questo campo sono l’Emilia Romagna, il Veneto e la Liguria ma  sono comunque molte le spiagge distribuite nelle varie località di vacanza.

trova la spiaggia giusta per voi

Hai già la nostra app? Clicca ed entra subito nel mondo dei servizi di LloydsFarmacia!