Stai cercando di perdere peso quest’anno? Mangiare sano con una buona alimentazione è uno dei primi passi per farlo, ma può esserci confusione nel capire quali siano i cibi più giusti da scegliere.

Potresti anche pensare di aver trovato la dieta ideale, ma alcune delle tue abitudini alimentari potrebbero non essere così salutari come pensi. Ecco perché abbiamo scovato quattro falsi luoghi comuni da sfatare e da combattere per seguire davvero una dieta sana che dia risultati senza rischi “sabotaggio”.

#1: PREPARARE RICETTE LIGHT NON SIGNIFICA UTILIZZARE PRODOTTI "LIGHT" A BASSO CONTENUTO DI GRASSI

I prodotti “light”, a ridotto contenuto di grassi, sono spesso ricchi di carboidrati perché contengono amidi o zuccheri aggiunti. Di conseguenza, questi alimenti, a parità di quantità, possono lasciarti con la sensazione di fame a causa della loro influenza sul picco glicemico nel sangue e quindi sul tuo metabolismo. Inoltre un prodotto light fa scattare l’idea di poterne consumare di più. Nascondendoti così dietro la lusinga del “light”, incosciamente rischi di mangiarne più di quanto dovresti e quindi, invece di perdere peso, rischi di ingrassare senza nemmeno accorgertene e senza capire perché.

 

Soluzione più sana:

Molti esperti nutrizionisti ritengono che sia meglio mangiare porzioni più piccole di cibi che contengono grassi piuttosto che assumere quantità maggiori di prodotti light. I cibi grassi sono più ricchi di calorie rispetto a quelli a basso contenuto di grassi, ma la quantità extra di grassi che contengono ti aiuterà a sentirti sazio più a lungo.

#2: SCEGLIERE SPUNTINI 'SANI'
Hai rinunciato ai tuoi vecchi snack come cioccolato, biscotti e patatine per passare a noci, semi e frutta secca? Benissimo! Ma sappi che le calorie della frutta secca possono essere molto alte. Solo perché un alimento è considerato sano o nutriente, non significa che puoi mangiarne quanto ne vuoi, a maggior ragione se il tuo obiettivo è tenere il tuo peso sotto controllo.

 

Soluzione anti- sabotaggio:

Frutta a guscio, semi e frutta secca sono tutte buone scelte di snack. Limitati a piccole quantità piuttosto che immergere la tua mano dentro e fuori da un sacchettone di dimensioni familiari per tutto il giorno. In alternativa puoi sceglere  della verdura cruda come finocchi o carote.

#3: SERVIRE MINUSCOLE PORZIONI

Potresti pensare che saziarti a metà sia il modo più veloce per perdere peso. Ma a lungo termine assumere molte meno calorie rispetto al tuo reale fabbisogno non sarà sostenibile e probabilmente ti porterà alla ricerca di spuntini calorici e decisamente poco sani in diversi momenti della giornata.

 

Soluzione più sana:

Rispetta le dimensioni delle porzioni standard: in questo modo sarà più difficile che tu torni ad avere fame troppo presto. Come regola generale, una porzione di pasta di dimensioni standard ha le dimensioni di una palla da tennis; una porzione di formaggio ha le dimensioni di una scatola di fiammiferi; una porzione di un secondo – come carne, pollo, pesce o tofu – ha la dimensione di un mazzo di carte e la porzione minima di verdura è la quantità che si adatta a una singola mano a coppa.

#4: RINUNCIARE AI TUOI CIBI PREFERITi

Come servirti porzioni minuscole alla lunga ti porta a rovinare la tua linea, allo stesso modo bandire dalla tua dieta i tuoi cibi preferiti può essere troppo restrittivo. Non sarai in grado di attenerti a lungo a questa rinuncia. Inoltre è un fattore psicologico: desideriamo i cibi che ci sono stati proibiti… Prova a dire che ti devi privare del cioccolato, non farai altro che pensare a quanto desidereresti mangiarlo!

 

Soluzione più sana:

Concediti delle leccornie, anche ogni giorno, a patto che tu le mangi con moderazione. Ad esempio, godersi ogni giorno un quadrato o due di cioccolato fondente di buona qualità può aiutarti a rispettare il tuo piano alimentare. Può anche darti ulteriori vantaggi! Il cioccolato fondente contiene infatti sostanze nutritive che si ritiene abbiano effetti positivi sulla tua salute e anche sul tuo umore.

Vuoi più consigli sul "mangiare sano"?

Vieni a parlare con uno dei nostri farmacisti. Trova qui la LloydsFarmacia più vicina a te

Articolo tradotto e rivisto da Blog LloydsPharmacy